Asini, oche e rabbini

Asini, oche e rabbiniOk, adesso basta. Gabriele Alese (aka @gabalese) deve smetterla di consigliarmi libri forti, divertenti, intelligenti, profondi, che ti restano nella testa e nel cuore. Un po’ perché finisco sempre col comprare più ebook di quanti riesca a leggerne, un po’ perché non posso solo leggere libri di Edizioni E/O ;)

Scherzi a parte, come al solito non ho sbagliato a fidarmi dei consigli della cicogna. Asini, oche e rabbini é un romanzo strepitoso, che parte in sordina ma conquista il lettore con una storia comune e pazzesca e con una lingua unica. Per usare le parole di Lia Levi nella Prefazione, in questo romanzo

la Storia e le Storie, l’Autobiografia e le Biografie, la Memoria e il Presente si fondono magistralmente per dar luogo a una narrazione che avvolge il lettore da ogni parte, conquistandolo con il fascino discreto dell’intelligenza, dell’ironia e della satira sociale.

Roberta Anau racconta la storia sua e della sua famiglia che diventa la storia dell’ebraismo italiano, da Adamo ed Eva, a Noè, dalle leggi razziali alle difficoltà del dopoguerra, fino ai giorni nostri, passando per mille ricordi e aneddoti così pieni di vita e quotidianità, da diventare universali. Roberta, sfacciata, irriverente e ironica, apre le porte del suo mondo fatto di parole, cibo e tradizione, ci accompagna per le nebbie di Ferrara, fra i boschi e nelle stalle della Luchinata, fino a Torino, “nordica e sudicia, Torino rumorosa, Torino polverosa, città incasinata e glaciale”.

La scrittura di Roberta Anau, verace e carnale, sa mischiare l’italiano il ferrarese e il piemontese con parole di matrice ebraica, creando un melting pot linguistico che ha il sapore e la potenza espressiva del racconto orale e sa evocare una tradizione complessa fatta di luoghi e persone.

Asini, oche e rabbini è anche una riflessione sulla memoria, perché attraverso il ricordo impariamo, cresciamo e veniamo a patti con la nostra vita e la nostra storia.

Ho capito che il ricordo fa bene, asciuga le frequenti montate lattee e aiuta a pensare con dolcezza e a spegnere fuochi, fuocherelli, fiammelle e soffioni bollenti […] Mi mancano tutti, anche quelli che ho conosciuto solo in fotografia, quelli di cui so soltanto i nomi, quelli che sconosciuti e silenziosi hanno camminato per le strade dei ghetti d’Europa, quelli che hanno studiato, che hanno cantato, che hanno commerciato e tutte quelle donne che hanno cucinato il cibo quotidiano e i piatti delle feste, che si sono arrabattate, che sono state pronte a rovesciare la loro vita per fuggire e ricominciare da capo. Il coraggio di prendere decisioni è stata per loro l’ultima strada aperta, buia ed obbligata. So però che se io sono qui è perché loro hanno avuto quel coraggio e la mia valigia è piena del loro ricordo.

Proprio come ha scritto di recente Noemi, in arte Tazzina di Caffè, sul suo blog “credo sia un modo piuttosto interessante di leggere i romanzi, quello di ritrovare se stessi tra le parole degli altri”. Così per me ha avuto un fascino unico ritrovare in Asini, oche e rabbini le mie origini piemontesi nelle parole dialettali e nei piatti tipici, ma anche nelle strade di Torino e nei boschi, un po’ come incontrare per caso un vecchio amico quando meno te lo aspetti. Ma anche scoprire che l’autrice ha davvero aperto un’azienda forestale agrituristica, che si chiama davvero La Miniera. E, come se non bastasse, realizzare che il libro che mi ha ispirato tante volte in cucina, Cucina ebraica, è stato proprio scritto da Roberta Anau :)

Asini, oche e rabbini di Roberta AnauTitolo: Asini, oche e rabbini
Autore: Roberta Anau
Editore: Edizioni E/O
Edizione cartacea: 240 pagine – 18€
ebook: epub protetto con Adobe-DRM (553 kB) – 4.99€ in vendita su Bookrepublic e Ultimabooks

About these ads

4 thoughts on “Asini, oche e rabbini

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...