Cosa mi resta di questo #SalTo12

Primavera digitale

Primavera digitale – Salone del Libro 2012

Il Salone del Libro di quest’anno è stato davvero un’occasione di incontro e approfondimento unica e mi ritrovo a una settimana quasi dalla chiusura con mille idee che mi frullano per la testa, tanta voglia di fare, ma senza sapere come.

Beh, inizio con un blog! E con un post sul Salone🙂

Innanzitutto quest’anno (rinunciando alle pause pranzo/cena e ‘scappando’ appena potevo dallo stand dove avrei dovuto stare) ho partecipato a diversi incontri sul digitale e sugli ebook. E ho potuto conoscere dei ‘mostri sacri’:  eFFe (@abcdeeFFe), Noemia Cuffia (@tazzinadi), Arturo Robertazzi (@ArtNite), Salvatore Nascarella (@nascpublish), Marta Traverso (@martatraverso), Nicola Cavalli (@nicolacavalli), Marco Giacomello (@mgiacomello), Marta Manfioletti (@martamanfio), Federica Dardi (@Elisondo)…

Nella rete del libro

Nella rete del libro

Fra le tante discussioni sul ruolo di twitter e dei social media, sul prezzo degli ebook e sulle opportunità/difficoltà poste dal digitale, l’incontro Nella rete del libro: social media per l’editoria e costruzione di communities via web è stato decisamente interessante. Gli spunti sono stati tanti, in primis sull’importanza per gli editori di acquisire competenze web. Chiaramente non bastano, occorre anche avere una visione globale dello scenario digitale, perché semplicemente adattando l’esistente a questo nuovo contesto non si riesce a crescere e innovare. In particolare dal punto di vista legislativo bisogna creare un nuovo framework giuridico, per ‘aggirare’ la legge sul libro, per sviluppare modelli utili a favorire la crescita del mercato.
Cambia anche il rapporto con i lettori, che diventano il centro di una rete di relazioni con editori, autori, librerie ecc. Presidiare i social network è quindi fondamentale per entrare in contatto con i lettori; l’obiettivo primario però non deve essere la vendita, ma è proprio creare relazioni, ponendosi come riferimento credibile grazie ai contenuti offerti sulle diverse piattaforme. Il che significa mettere i lettori al centro dell’esperienza letteraria, per creare comunità. Per approfondire, lettura obbligata è Il Libretto Rosa di Finzioni.

All’incontro  di presentazione di Point Break Point Breakers. Quando per fare l’editore devi cavalcare lo tsunami digitale nello spazio Book to the Future si è parlato delle tante sfide che il digitale pone per l’editoria. E ho realizzato che mi mancava La pratica dell’ePub. Quando il libro diventa software di Ivan Rachieli, grave e ho rimediato. In lettura ora🙂

Un brindisi a Ledita

Un brindisi a Ledita

Fra tutti gli eventi il più divertente è stata la ‘festa’ di Ledita all’incontro Leggere in rete, ovviamente nello spazio Book to the Future. Si è iniziato brindando ad un progetto, nato nelle Rete e che continua nella Rete, che in pochi mesi ha saputo catalizzare tanti voci attorno un tema comune: lo sviluppo delle tecnologie digitali applicate all’editoria. E si è parlato del futuro ovviamente, partendo dall‘albero dei valori, che costituiscono le fondamenta di questo progetto. Mi piace che i bookblogger si riconoscano proprio nella fiducia, un valore che credo che vada recuperato anche in ambito professionale e lavorativo.

Microbi

Microbi

Non solo libri, però, al Salone. Si sa, ho un debole per le ‘cicciate’ e non mi sono certo potuta perdere lo stand di Roba da Elfi, un negozio di giocattoli di Pinerolo che riserva sempre delle belle sorprese. Quella di quest’anno erano i microbi giganti! Mi sono portata a casa un simpatico raffreddore😉

Una menzione d’onore, poi, per le spilline di Zazie! Carinissime!

eZagreb a SalTo

eZagreb a SalTo

Ovviamente mi sono portata a casa anche dei libri. Il primo, a cui non ho saputo resistere, è stato eZagreb. Dopo averne tanto sentito parlare, sono stata piacevolmente sorpresa: bello davvero!

Un bel libro sulla cucina contemporanea di montagna degli amici di Blu Edizioni. Da sperimentare! E un libro (per bambini) per imparare il Piemontese, Prima Mignin. Ci sarà da ridere!

L'angoscia del Re Salomone

L’angoscia del Re Salomone

E non poteva mancare un libro della Giuntina (lo devo dire: da anni il mio editore del cuore del Salone del Libro). Consigliato dall’editore Shulim (che è anche uno scrittore di talento, diretto limpido e vero il suo Mentre la città bruciava), ho preso ad occhi chiusi, senza nemmeno leggere la quarta di copertina, L’Angoscia del Re Salomone. Presto in lettura, spero🙂

Insomma, tanti libri, incontri, ‘cicciate’, ma soprattutto tante persone, che hanno resto questo #SalTo12 davvero unico.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...