Prossima fermata Trambusto

Prossima Fermata Trambusto

Prossima Fermata Trambusto

Metto subito le cose in chiaro: l’editore mi ha inviato l’ebook di Prossima fermata Trambusto nella speranza che lo recensissi. Ma se ora sono qui a scriverne, non è per ‘dovere’ nei confronti di Intermezzi (su Twitter @intermezzi), né per restituire la gentilezza. Semplicemente il libro mi è proprio piaciuto, me lo sono comprata (perché il lavoro intellettuale è giusto che sia ricompensato) e ora ne posso parlare come una lettrice qualunque.

Partiamo da lontano però… Nell’edizione cartacea del libro mi ero imbattuta già al Salone del Libro, parlando di copertine con i ragazzi di Intermezzi e un loro autore, di quali mi colpissero di più e del rapporto fra la grafica e il contenuto. Devo ammettere che la copertina di Prossima fermata Trambusto non mi aveva entusiasmata, tuttora quello ‘sgorbietto’ mi inquieta un po’. Ma il titolo è tutta un’altra storia: evoca un divertente marasma, calato in una realtà fatta di quotidianità e semplicità. A cui va aggiunta la splendida ambientazione torinese, che è (guarda caso) la mia città d’adozione. Alla fine è stato per colpa di questo titolo allegro che mi sono allontanata per una volta dalla narrativa ebraica, dai resoconti di imprese alpinistiche e dai grandi classici. E non me ne sono affatto pentita!

La storia prende il via come una commedia degli equivoci, senza però scadere nell’assurdo: Tarek si trova letteralmente in mezzo a combattimenti fra cani, Chioma sabota i freni della moto del pony-express rivale, Lama viene ingiustamente accusato di stupro. Le vite dei tre protagonisti, dai nomi improbabili e dalle storie personali molto diverse, si incrociano a Trambusto, un’isola che non c’è (come l’ha giustamente definita Marta Traverso nella sua recensione), un parco trasformato in un innovativo riformatorio per ‘piccoli’ criminali, un utopico progetto sociale di riabilitazione e reinserimento. Nei tram adibiti a ‘unità abitative’ questi tre ragazzi si scoprono uomini, proprio come nel migliore dei romanzi di formazione, affrontano il loro passato e il loro rocambolesco presente per costruirsi un futuro che sa di riscatto e realizzazione personale.

In questa favola del 21esimo secolo non ci sono lupi cattivi o matrigne invidiose, ma corruzione, droga, razzismo, sfruttamento sessuale, politica, combattimenti clandestini. Questi temi difficili vengono trattati con delicatezza, sono spunti attorno a cui la storia viene costruita, che non appesantiscono quella che è una divertente commedia, ma che fanno comunque riflettere sul mondo là fuori.

SPOILER. Ed è davvero una favola moderna che trasmette speranza e fiducia nel prossimo, in cui l’amicizia, la tolleranza e la giustizia alla fine trionfano. Non male. Ogni tanto serve proprio una lettura ottimista 🙂

Titolo: Prossima fermata Trambusto
Autore: Luca Gallo
Editore: Intermezzi editore
Prezzo: 5 € (ebook) e 14,90 (cartaceo)

Leggi l’anteprima del libro qui.

In vendita sul sito dell’editore, su Bookrepublic e Ultimabooks.

Annunci

7 comments

  1. Pingback: Intermezzi BLOG! » Blog Archive » Prossima fermata Trambusto su La pantofola digitale
  2. sara · giugno 5, 2012

    Il libro è piaciuto molto anche a me..io invece l’ho acquistato al salone proprio perchè sono rimasta colpita dalla copertina ch mi è piaciuta da morire! quel cane ha un espressione che dice moltissimo!

  3. fabio · giugno 5, 2012

    comprato e letto in un giorno. Per quanto mi riguarda bella copertina e bel libro!

  4. MatteoG · giugno 9, 2012

    Conosco la casa editrice e conosco l’autore, anche se ancora non leggo nulla di suo. Questo tuo articolo mi ha incuriosito. Mi sa che recupero partendo da Trambusto. 🙂

  5. Latrice · maggio 14

    I am speechless. It is a very good blog and really attractive too. Nice paintings! Th#7;a821t&s not actually so much coming from an newbie publisher like me, but it’s all I may just say after diving into your posts. Nice grammar and vocabulary. Now not like other blogs. You in point of fact recognize what you?re speaking about too. So much that you simply made me wish to discover more. Your weblog has turn into a stepping stone for me, my friend.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...