Le confessioni di Noa Weber

Fremevo dalla curiosità di leggere Le confessioni di Noa Weber senza sapere bene perché. Forse perché mi sono resa conto di non poter sempre leggere autori maschi. Forse perché non vedevo l’ora di leggere un ebook de La Giuntina. Forse perché speravo, non invano, di ritrovare un’eco della scrittura onesta e limpida di Shulim Vogelman, che ha tradotto il libro. Forse perché mi attirava la copertina, con queste splendide labbra leggermente imbronciate colorate di verde.

Ad ogni modo, non a torto fremevo dalla voglia di leggerlo. E adesso che ho digitalmente chiuso l’ultima pagina mi manca l’irruenza, la rabbia, l’emancipazione e la sincerità di Noa.  Read More